Blockchain e servizi innovativi alle imprese, per gli associati Conflavoro Pmi Salerno i vantaggi della piattaforma Lirax.org

Al via la partnership tra l’unione territoriale del presidente Fausto Vuolo e la piattaforma leader del settore
 
Certificazione, tracciabilità e servizi innovativi per le aziende del territorio. Nasce con grandi obiettivi la partnership tra l’associazione di categoria Conflavoro Pmi Salerno del presidente Fausto Vuolo, il gruppo Sanngetall del Ceo Alessandro Civati e la Mediterraneo Lab 4.0 Srl del Ceo Giampiero Zito. Per informazioni, contattare salerno@conflavoro.it o il 393 9351164.
 
“Siamo orgogliosi della convenzione siglata – sottolinea Fausto Vuolo – la quale garantisce ai nostri associati, fin da subito, l’utilizzo semplice e intuitivo della piattaforma Blockchain denominata Lirax.org. La tecnologia Blockchain di Lirax scelta da Conflavoro Pmi Salerno permetterà a ogni associato nuove ed esclusive opportunità di crescita e sviluppo, offrendo con pochi click accesso a programmi di tracciabilità in Blockchain per i settori alimentare, manifatturiero, meccanico, turistico e molti altri”.
 
Lirax è una piattaforma Blockchain di certificazione e tracciabilità che offre servizi innovativi alle imprese, e nello specifico, offre a tutti gli associati Conflavoro Pmi Salerno il loro esclusivo e unico Blockchain Id. Quest’ultimo è lo strumento che, tramite smart contract, conferisce titolarità di associato con valenza legale.
 
Nella piattaforma Lirax è attivo anche il servizio di Timestamp, che conferisce valore legale ai documenti firmati e, in particolare, la data certa senza dover andare in tribunale o da un pubblico ufficiale. L’attività di formazione specifica è delegata alla Lirax Academy”. 
 
“Questo è l’ennesimo passo avanti – conclude Fausto Vuolo – con cui Conflavoro Pmi mette concretezza nel sostegno alle imprese del territorio. E di certo, con l’apporto di Lirax e Lirax Academy, lavoreremo ancora di più e ancora meglio per innovare e far crescere le micro, piccole e medie imprese salernitane”.

Lascia un commento