Conflavoro PMI Catanzaro, seminario su nuova privacy e libero mercato dei contratti collettivi

Incontro gratuito per aziende e professionisti il 17 maggio al Savant Hotel di Lamezia Terme

 

Ai partecipanti attestato formativo per Incaricato privacy

Le novità introdotte dal regolamento europeo GDPR sulla privacy, dagli obblighi alle sanzioni, ma anche la metamorfosi che sta vivendo il mondo del lavoro, con particolare riferimento al libero mercato della contrattazione collettiva.

Saranno queste le tematiche che affronterà, giovedì 17 maggio, il seminario formativo gratuito curato da Conflavoro PMI Catanzaro del presidente Sebastiano Guzzi. Alla tavola rotonda anche il presidente nazionale dell’associazione datoriale, Roberto Capobianco e quello di Conflavoro PMI Cosenza, Antonio Ramundo. Con loro, l’avvocato Rocco Sgrò docente esperto del GDPR.

L’incontro si svolgerà presso il Savant Hotel in via Capitano Manfredi, 8 – 88046 Lamezia Terme (CZ) dalle 15 alle 18. Per partecipare è sufficiente inviare un’email all’indirizzo catanzaro@conflavoro.it. Per altre informazioni è attivo il numero verde 800 771609. I partecipanti riceveranno un attestato formativo per Incaricato privacy.
 

Gli argomenti del seminario

Sarà un seminario intenso, capace di stimolare in sala un dibattito quanto mai necessario e attuale. In particolare, manca ormai solo una manciata di giorni al pieno regime del GDPR, il prossimo 25 maggio. “Conflavoro PMI – afferma Sebastiano Guzzi – sta ricevendo continue richieste di delucidazioni dal mondo dell’imprenditoria: significa che l’argomento è parecchio sentito e non potrebbe essere altrimenti. Del resto, molti sono i nuovi obblighi sulla privacy e altrettante le sanzioni, pesanti, previste per i trasgressori. Fondamentale, allora, prestare massima attenzione alle potenziali criticità”.

Conflavoro PMI Catanzaro, dunque con la collaborazione dell’avvocato Rocco Sgrò, nel seminario del 17 maggio aiuterà aziende e professionisti a chiarire i tanti dubbi ancora in sospeso. Come? Analizzando in otto punti il regolamento europeo. Vi sarà, ad esempio, un focus sulle figure da nominare in azienda nonché sul sistema di controllo e, tra l’altro, non mancherà una trattazione dettagliata circa il capitolo sanzioni e come evitarle.

L’incontro, inoltre, verterà col presidente nazionale Roberto Capobianco sulle nuove prospettive di gestione del lavoro. Ampio risalto sarà dato al libero mercato dei CCNL, dunque alla possibile migrazione degli stessi contratti collettivi verso altri accordi che possano soddisfare maggiormente le esigenze delle aziende, anche nell’interesse dei lavoratori. Spazio, infine, all’importanza della certificazione dei contratti, correlata strettamente alla reciproca tutela del rapporto di lavoro tra datore e dipendente.

Lascia un commento