Accesso al credito, turismo, territorio: successo per R.O.M.A. e Conflavoro PMI

Conflavoro PMI R.O.M.A.

Platea gremita per il dibattito tra le importanti figure politico-economiche nazionali e del territorio laziale

Nella Sala del Tempio di Adriano, stamattina (8 luglio) si è svolto R.O.M.A. – Risorse, Organizzazione, Misure economiche, Accesso al credito, evento organizzato dalla sede romana di Conflavoro Pmi presieduta da Sandro Di Castro per un ampio confronto sulle misure di sostegno alle imprese.

Platea gremita ad ascoltare relatori del calibro di Ettore Rosato vicepresidente della Camera, Carla Ruocco presidente della commissione d’inchiesta parlamentare sul sistema bancario, Valentina Corrado assessore al Turismo del Lazio e Marco Vincenzi presidente del Consiglio regionale. Spazio, dunque, alle questioni che toccano da vicino le aziende di tutta Italia, e focus importanti, nella fattispecie, sul territorio laziale. In sala anche Lorenzo Tagliavanti presidente della Camera di commercio di Roma, Roberto Capobianco presidente nazionale di Conflavoro e Tiziano Talarico, alla guida dei Giovani imprenditori dell’associazione.

 

Gli interventi di Rosato e Ruocco

Ettore Rosato, lodando l’attuale unità politica in un momento storico emergenziale, ha ricordato l’importanza del Pnrr: “100 milioni al giorno è quanto dobbiamo spendere da qui alla fine del 2026 per mantenere gli impegni assunti. Il Paese, però, è bloccato dalla burocrazia e dobbiamo realizzare le riforme per rendere il nostro Paese più moderno e più competitivo, da quella sul fisco a quella della giustizia”.

Carla Ruocco si è focalizzata sull’importanza del sostegno delle istituzioni alle imprese: “L’accesso al credito è un punto nodale per la vita di un’impresa e la sopravvivenza di un sistema economico. Le imprese vanno supportate attraverso un sistema di garanzie statale e occuparsi anche del periodo successivo all’accesso al credito, dell’evoluzione della posizione rispetto alla banca perché non diventi un credito deteriorato”.

 

La Regione Lazio nella parole di Vincenzi e Corrado

Per Marco Vincenzi, che ha rivendicato il lavoro fatto dalla Regione Lazio per finanziare settori strategici come agricoltura, turismo, cultura e sport, occorrono strumenti diversi per affrontare una sfida epocale. “È cambiato il rapporto di fiducia fra politica, istituzione, imprenditori e cittadini. Ci vuole coraggio e le istituzioni lo stanno dimostrando con misure concrete come ristori, finanziamento a fondo perduto, accesso al credito”.

E la semplificazione, infine, è stata l’altra grande protagonista dell’evento di Conflavoro. “È una sfida che la Regione Lazio sta portando avanti – ha sottolineato Valentina Corrado – investendo decine di milioni di euro in una ripartenza che metta al centro il turismo, offrendo opportunità a tutti gli operatori del settore e istituendo ad esempio “Più notti, più sogni”, iniziativa per un turismo di qualità prossimità e benessere”.

 

Il punto di vista di ABI e Invitalia

In qualità di relatori hanno partecipato anche Raffaele Rinaldi di ABI, Ernesto Somma di Invitalia, Nicola Tasco presidente di Lazio Innova e Giulio Anticoli presidente dell’associazione Botteghe storiche di Roma.

Tasco e Somma, in particolare, hanno tracciato in modo approfondito tutti gli incentivi a disposizione delle PMI a livello nazionale e a livello locale. Rinaldi ha sottolineato lo sforzo delle banche nel sostenere la liquidità di famiglie e imprese e nel ridurre i crediti problematici durante la fase pandemica. Anticoli, infine, ha evidenziato l’importanza di sostenere le micro imprese locali che versano contributi all’erario in Italia, nella fattispecie attraverso una reale e concreta facilitazione nell’accesso al credito.

Lascia un commento