Di lunedì non si lavora: boom di certificati medici a inizio settimana

Nel 2016 quasi 20 milioni di certificati inviati dai dipendenti dei settori pubblico e privato

Il mondo ricomincia di… lunedì? Non proprio. Per moltissimi lavoratori se ne riparla il martedì. Infatti, stando ai dati diffusi dall’Osservatorio Inps sui certificati medici, il lunedì è il giorno in cui in Italia si verifica il boom dell’assenteismo per malattia. Tanto nel settore privato quanto nel pubblico. Nello scorso anno è stata confermata la tendenza del 2015, con circa 4 milioni di certificati medici inviati dai dipendenti a inizio settimana. 19,6 milioni durante tutto l’anno, pervenuti da oltre 6 milioni di lavoratori.

2,7 milioni (29,6% dei 12,5 milioni di certificati annui) hanno interessato i dipendenti di aziende private. 1,3 milioni (26,8% dei 6,3 milioni totali), invece, i certificati che hanno garantito ai lavoratori della pubblica amministrazione, volenti o nolenti, l’allungamento del weekend. Interessanti i dati mensili riferiti al settore privato: i certificati medici vedono un’impennata costante e notevole da settembre a dicembre.

I boom regionali – In Lombardia si trovano i lavoratori più inclini ad ammalarsi: 2,7 milioni di certificati nel settore privato e 718 mila nel pubblico, in quest’ultimo caso secondi solo alle malattie dei colleghi di Lazio (837 mila) e Sicilia (788 mila). Nel privato, subito dietro la Regione meneghina si piazzano Lazio (1,4 milioni di certificati nel 2016) ed Emilia-Romagna (1,3 milioni). Anche nei vari territori regionali le statistiche Inps fotografano un andamento piuttosto costante nel 2016 rispetto ai dati registrati nel 2015.

Clicca di seguito per leggere l’analisi completa fornita dall’Osservatorio Inps sui certificati medici.

Breaking News Nazionali Notizie

Lascia un commento