Digital Transformation per le PMI, ancora 50 milioni disponibili – Tutte le info

Cultura, turismo, manifatturieri e beni culturali: come richiedere gli incentivi per la digitalizzazione della propria impresa?

A partire dallo scorso dicembre sono aperte le richieste per ottenere l’agevolazione della Digital Transformation. L’iniziativa riguarda i processi produttivi relativi a manifatturiero, commercio, turismo e beni culturali. Si tratta di un incentivo del ministero dello Sviluppo. Inizialmente consisteva in 100 milioni, metà dei quali già impegnati con le oltre 380 domande finora arrivate.
 
Se vuoi maggiori info su questo e altri contributi, scrivici su incentivi@conflavoro.it o visita l’apposita sezione dell’Ufficio nazionale Bandi e Contributi di Conflavoro cliccando qui.

 

A chi è rivolto

L’incentivo, che mira a supportare la competitività e gli investimenti innovativi in tecnologie abilitanti relative al Piano Nazionale Impresa 4.0, è rivolto alle micro, piccole e medie imprese, le quali possono fare domanda anche in forma aggregata fino a un massimo di 10 imprese.

I soggetti richiedenti, tra i vari requisiti, devono disporre di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese. Non devono inoltre trovarsi in stato di fallimento, liquidazione anche volontaria, amministrazione controllata e simili. Devono aver conseguito nell’ultimo bilancio approvato e depositato, un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a 100mila euro.
 

I progetti ammissibili

Il finanziamento può riguardare investimenti oppure attività di innovazione di processo o di innovazione dell’organizzazione.

Per entrambe le tipologie di progetto ammissibili a beneficio le agevolazioni sono concesse sulla base di una percentuale nominale dei costi e delle spese ammissibili pari al 50%, di cui 10% sotto forma di contributo e 40% come finanziamento agevolato.

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono essere diretti alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi dei soggetti proponenti mediante l’implementazione di:

tecnologie abilitanti individuate dal Piano nazionale impresa 4.0. (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics) e/o;

tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, finalizzate:
1) all’ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori;
2) al software;
3) alle piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio;
4) ad altre tecnologie, quali sistemi di e-commerce, sistemi di pagamento mobile e via internet, fintech, sistemi elettronici per lo scambio di dati (electronic data interchange-EDI), geolocalizzazione, tecnologie per l’in-store customer experience, system integration applicata all’automazione dei processi, blockchain, intelligenza artificiale, internet of things.
 
 
+++ Ricorda: se vuoi maggiori info su questo e altri contributi, scrivici su incentivi@conflavoro.it o. in alternativa, visita l’apposita sezione dell’Ufficio nazionale Bandi e Contributi di Conflavoro cliccando qui. Troverai anche i numeri telefonici diretti per parlare coi nostri esperti di finanza agevolata.

Lascia un commento