Festival del Lavoro 2020: l’importanza e la libertà di scelta del CCNL

In vista dell’anteprima del 22 ottobre con Conflavoro protagonista, ecco un focus video sui contratti collettivi nazionali di lavoro

Ancora pochi giorni al taglio del nastro (virtuale) per il Festival del Lavoro 2020, il 23 ottobre. Conflavoro, partner della Fondazione Studi del Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro, organizzatrice dell’evento, sarà protagonista del Festival già dal giorno prima in un confronto che coinvolgerà il presidente nazionale Roberto Capobianco.

Giovedì 22 ottobre, infatti, in una speciale anteprima, saranno svelati e approfonditi i vari temi che, di lì a poco, saranno spunto di confronto nei molteplici webinar. Questi ultimi, ricordiamo, sono accessibili a tutti, anche a chi non è iscritto all’Ordine dei Consulenti del lavoro. Per gli iscritti CdL che seguiranno i webinar (occorre prenotarsi gratuitamente, clicca qui per il programma), invece, sono previsti crediti formativi: 1 credito ogni ora di formazione online. Per prendere parte all’anteprima non servirà alcuna prenotazione: basta collegarsi su festivaldellavoro.it.

Tra i temi cari a Conflavoro, che l’associazione porterà all’attenzione dei relatori del Festival e a tutta la categoria, con cui Conflavoro collabora in ogni provincia italiana, c’è quella della contrattazione collettiva. Un argomento bollente soprattutto negli ultimi anni, con l’Ispettorato del lavoro che, finalmente, ha quantomeno chiarito come la qualità di un Ccnl si basi esclusivamente sul rispetto della parte normativa e contributiva. I Consulenti del lavoro, essendo i professionisti più a stretto contatto con le aziende per la loro crescita sana ed efficace, sono proprio le figure in grado di indicare alle stesse il Ccnl per loro più adeguato.
 

Roberto Capobianco ne parla nel video sottostante

Lascia un commento