Governo, i dubbi del Quirinale su premier e ministri in pectore

Sergio Mattarella incontra stamani i presidenti di Camera e Senato. Cortesia istituzionale o dubbi sulla squadra di governo proposta?

Il presidente Mattarella incontra questa mattina i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati. Accade dopo che i leader di M5S e Lega, ieri sera (21 maggio) hanno indicato al Colle il premier e, probabilmente, la squadra di governo scelta dai due partiti. I quali, insieme, hanno ottenuto oltre il 50 per cento dei voti il 4 marzo.

Come noto, per palazzo Chigi il profilo indicato a Mattarella è quello dell’avvocato Giuseppe Conte, 54 anni, un lungo curriculum alle spalle e, attualmente, docente di Diritto privato all’università di Firenze e alla Luiss. 

Il Quirinale, però, non ha sciolto subito la riserva e ha preferito convocare, separatamente, il primo alle 11 e la seconda alle 12, i presidenti di Camera e Senato. E non è nemmeno chiaro se si tratti davvero di cortesia istituzionale come si vocifera. O, piuttosto, di dubbi da parte del presidente Mattarella sul nome del premier in pectore e sulle figure propostegli per determinati ministeri, su tutti quello dell’Economia. 

La seconda e terza carica dello Stato, lo ricordiamo, in effetti in questi tre mesi hanno ricevuto, prima la senatrice Alberti Casellati e poi l’onorevole Fico, un mandato esplorativo per cercare una maggioranza parlamentare. Dunque non sembra così fuori dal mondo l’idea di convocarli un’ultima volta al Colle. Si tratta, però, in tutto e per tutto di una mossa inattesa da parte di Sergio Mattarella.
 

Un no del Quirinale a Giuseppe Conte potrebbe creare fratture

Fatto sta che sembrano improbabili veti da parte del presidente della Repubblica sul nome specifico di Conte. Un no – che peraltro sarebbe, va ricordato, nel pieno dei suoi poteri – non è chiaro come verrebbe interpretato da M5S e Lega. E potrebbe, tra l’altro, creare fratture tra i due leader qualora Mattarella indicasse al posto di Conte un nome politico direttamente legato all’uno o all’altro partito. 

Al Quirinale, in sostanza, sembra si stia piuttosto lavorando sulla limatura delle figure indicate da Luigi Di Maio e Matteo Salvini per i dicasteri. Ricordiamo che i due partiti hanno deciso di dedicarsi ciascuno ai rispettivi temi più cari. Il M5S, infatti, dovrebbe occuparsi di Sviluppo economico e Lavoro (forse accorpati in una sola delega). E dovrebbe indicare anche il nome per l’Economia, mentre per la Lega dovrebbero aprirsi quantomeno le porte di Difesa e Interno. 

Oggi, dopo gli incontri con Fico e Alberti Casellati, o al massimo domani, il presidente della Repubblica Mattarella chiarirà la posizione del Colle. Dopodiché l’iter di avvicinamento alla richiesta di fiducia al parlamento conoscerà una veloce accelerata.

Breaking News Nazionali Notizie

Lascia un commento