PNRR, Conflavoro in Senato: “Crediti per progetti d’impresa su modello Superbonus” – VIDEO

Il presidente Capobianco: “Controlli affidati ai commercialisti e crediti d’imposta cedibili”

Conflavoro Pmi ha partecipato oggi all’audizione sul PNRR delle commissioni Bilancio e Politiche UE di palazzo Madama, presiedute rispettivamente dai senatori Daniele Pesco e Dario Stefàno. Punto focale dell’intervento dell’associazione è quello di arrivare ad applicare, mediante appunto il PNRR, una differente tipologia di intervento pubblico a garanzia dei finanziamenti privati, che guardi alla capacità d’impresa, cioè alle progettualità e non solo ai bilanci pregressi.

Come funziona la proposta di Conflavoro Pmi

“Ci riferiamo all’opportunità – spiega il presidente di Conflavoro, Roberto Capobianco – di emanare una disposizione sul meccanismo analogo a quello del Superbonus 110% per finanziare i progetti delle imprese già costituite o in fase di avvio. Un’impresa, secondo la nostra proposta, struttura la possibilità di realizzare un intervento economicamente e sostanzialmente confacente alla sua capacità di impresa andando a ricevere per quel progetto, per quella nuova impresa, la possibilità di ottenere dei crediti di imposta cedibili, analoghi appunto a quelli del Superbonus, creando così lo stesso effetto di circolarità finanziaria dato dall’intervento delle banche a mezzo della concessione di immediata liquidità all’impresa stessa”.

Questo strumento, secondo Conflavoro, porterebbe vantaggi nel mondo della produzione, in quello dell’occupazione e nell’intera economia italiana attraverso un circolo virtuoso che, chiaramente, dovrebbe essere sottoposto a controlli per verificare che i crediti d’imposta vengano utilizzati esclusivamente per quel determinato progetto, secondo criteri di legalità e concretezza. “Controllo – sottolinea Roberto Capobianco – che a nostro avviso sarebbe da affidare ai commercialisti delle imprese richiedenti l’incentivo, al fine di non paralizzare ulteriormente la Pubblica Amministrazione. Un controllo contestualmente effettuato anche dalle banche che compreranno il credito maturato, verificando che le spese siano attinenti ai solo costi presenti nel progetto di impresa”.

La proposta di Conflavoro sui crediti modello Superbonus basati sulla capacità d’impresa ha riscontrato molta curiosità in audizione. Oltre a ciò, le altre istanze presentate da Roberto Capobianco alla commissioni fotografano tutti i punti chiave già presenti nella bozza del PNRR, evidenziando la necessità di una macro riforma del sistema della giustizia e tributario e di investimenti in nuove infrastrutture, basando queste azioni su un chiaro principio di distribuzione delle risorse che attivi anche le piccole e medie imprese.

 

Guarda l’intervento del presidente Roberto Capobianco

 

 

Lascia un commento