Al presidente Roberto Capobianco il Premio ‘Mondi Lucani 2020’

Il riconoscimento è condiviso e promosso da enti e associazioni regionali ed è rivolto ai Lucani distintisi nel mondo

Il presidente nazionale di Conflavoro Pmi Roberto Capobianco è stato insignito del Premio Mondi Lucani 2020. Il riconoscimento è rivolto alle personalità originarie della Basilicata che si sono distinte nel mondo. La cerimonia si è svolta sabato 5 settembre nel Castello del Malconsiglio d Miglionico, Matera. Capobianco, nativo proprio di Matera, è stato anche tra i protagonisti del primo talk della giornata, intitolato ‘Essere imprenditori, manager e policy maker innovativi: le competenze trasversali del XXI secolo’.

“Per me, che sono molto legato alla mia terra d’origine, è un onore immenso ricevere questo premio. Soprattutto – commenta Roberto Capobianco – è un attestato di stima, un riconoscimento e una iniezione di fiducia e speranza che voglio condividere con tutti i miei coetanei e con chi, più giovane come è accaduto anche a me, spesso si trova costretto a lasciare la propria casa per cercare lavoro e fortuna altrove”.

“Dedico il premio a chi vuole fare impresa nonostante tutto. Da presidente di un’associazione datoriale che rimane ancorata ai dogmi del passato – conclude Roberto Capobianco – spero di aver dato un contributo anche durante il talk per spingere i miei conterranei che desiderano fare impresa a non rinunciare ai propri sogni, ma anzi a inseguirli e conquistarli con la tenacia, la preparazione, la formazione continua. Il mondo cambia di continuo e fare impresa è un labirinto, specie in Italia, in cui bisogna imparare a districarsi fin da subito, senza improvvisazioni. Il Sistema Impresa ripartirà con efficacia solo se in modo coscienzioso e lungimirante”.

L’iniziativa del Premio Mondi Lucani, ideata dall’associazione omonima, è condivisa attraverso un protocollo d’intesa con l’Università degli Studi di Basilicata, la Provincia di Matera, la Camera di Commercio di Basilicata, i Gruppi di Azione Locale Start 2020 e La Cittadella del Sapere, la Fondazione Adriano Olivetti, la Fondazione IesLab, l’Associazione Basilicata Creativa.

Lascia un commento