Sicilia, 6 milioni per formazione e riqualificazione lavoratori con coinvolgimento imprese

Dalla Regione Sicilia una nuova opportunità molto simile alla strada già seguita da Conflavoro Pmi

Far incontrare offerta formativa e richieste delle aziende, puntando sulla qualificazione e sull’inserimento nel mercato del lavoro dei giovani o sul reinserimento di chi è uscito dal contesto lavorativo. Ma andando incontro alle esigenze del tessuto imprenditoriale, coinvolgendolo cioè in qualche modo nella formazione così che questa sia mirata e proficua.

Un’idea che Conflavoro Pmi ha già avuto modo di sperimentare e che adesso diventa un impegno della Regione siciliana. In particolare con il bando ‘Formazione per la creazione di  nuova occupazione‘, dedicato agli enti di formazione professionale.

Presentato a Palazzo d’Orleans dal presidente della Regione Nello Musumeci e dall’assessore alla Formazione Roberto Lagalla, il fondo mette a disposizione 6 milioni di euro. “Fanno parte di un pacchetto complessivo di circa 25 milioni di euro – spiega Lagalla – per tutte le cinque misure di innovazione per l’impresa. Alcune sono già state attivate con avviso, altre lo saranno fra dicembre-gennaio”.

Il bando è rivolto agli enti di formazione professionale. “Questi – sottolinea l’assessore – obbligatoriamente devono lavorare insieme alle imprese perché l’obiettivo è proprio quello di partire dall’esigenza delle aziende per raccordare domanda e offerta. E per evitare che si continui da un lato la ricerca di competenze che non si trovano e, dall’altro, la produzione di formati che non servono al mondo del lavoro”.

Non più solo corsi tradizionali per la formazione ma “nuovi obiettivi e nuovi paradigmi che vedono insieme enti di formazione e imprese su progetti formativi da entrambi condivisi e curvati sulle esigenze di innovazione e di reclutamento delle imprese”.

Finito il periodo di formazione, almeno il 25% dei formati – il 40% per le grandi imprese – dovrà essere assunto dalle aziende. Previsti almeno 50 interventi sui gruppi di imprese. “Ma – evidenzia Lagalla – è chiaro che se la risposta sarà positiva potremo anche implementare con ulteriori risorse a partire dall’anno prossimo con una nuova finestra”.

 

+++ Se vuoi maggiori info sui bandi della Regione Sicilia dedicati a imprese e professionisti, scrivici su sicilia@conflavoro.it e i nostri consulenti ti aiuteranno in ogni tua necessità.

Breaking News Dal Territorio Notizie

Lascia un commento