Conflavoro PMI / Archivio Conflavoro / Notizie / Eventi / Super green pass, Conflavoro PMI in audizione al Senato
Archivio Eventi

Super green pass, Conflavoro PMI in audizione al Senato

Archivio Eventi

L’avvocato Paola D’Agostino porta a Palazzo Madama le istanze delle imprese

Oggi (7 dicembre) Conflavoro PMI ha partecipato all’audizione della 1a Commissione Affari Costituzionali del Senato. All’ordine del giorno il confronto sul DL 172/2021, che ha introdotto il cosiddetto super green pass, o green pass rafforzato.

In particolar modo, Conflavoro PMI ha chiesto alcuni chiarimenti utili tanto alle imprese quanto ai consumatori. Per l’associazione presieduta da Roberto Capobianco è intervenuta l’avvocato Paola D’Agostino, consigliere dell’Ufficio di presidenza di Conflavoro PMI.

“La disciplina sul green pass rafforzato lascia in sospeso alcune questioni importanti. È necessario che il parlamento chiarisca se i clienti in attesa del super green pass possano comunque accedere mediante tampone negativo alle attività che lo richiedono. Con altrettanta urgenza – ha sottolineato Paola D’Agostino – serve chiarire se i lavoratori, ad esempio di un ristorante, durante il turno possano effettivamente mangiare o meno all’interno del locale con il green pass base, sufficiente per lavorare”.

“Infine il capitolo verifiche. L’aggiornamento dell’app VerificaC19, che prevede prima della scansione del QR code di scegliere la tipologia di verifica del green pass, se base o rafforzato, rischia di indurre in errore il datore di lavoro o suo delegato, e quindi di sottoporlo a sanzioni nonostante la buona fede. Tutto ciò – ha concluso l’esponente di Conflavoro PMI – deve essere migliorato e chiarito poiché ogni dubbio non fa che contribuire ad aggravare una situazione economica già notevolmente compromessa”. 

Scopri le altre nostre convenzioni