Conflavoro PMI / Archivio Conflavoro / Notizie / In evidenza / Conflavoro incontra sottosegretario Durigon (MEF): “Blocco cartelle e indennizzi su calo annuale fatturato”
Breaking News

Conflavoro incontra sottosegretario Durigon (MEF): “Blocco cartelle e indennizzi su calo annuale fatturato”

Breaking News

Sono 6 le richieste portate all’attenzione del sottosegretario Durigon da Conflavoro. Settimana prossima il DL Sostegni senza distinzioni tra codici Ateco

Stamattina (10 marzo) il presidente di Conflavoro Pmi ha incontrato l’on. Claudio Durigon, sottosegretario all’Economia, dopo la manifestazione in piazza del Popolo promossa al fianco dell’Associazione Partite Iva Insieme per Cambiare, la quale ha unito senza distinzioni tutte le partite Iva.

Il sottosegretario, infatti, ha voluto convocare una delegazione dell’Associazione, guidata dal coordinatore nazionale Angelo Distefano, ricevuta insieme al presidente di Conflavoro Roberto Capobianco
 

Capobianco: “In arrivo indennizzi a prescindere da Codice Ateco”

“Abbiamo presentato, anzi ribadito, le istanze che arrivano forti dal mondo dell’impresa. Al sottosegretario Durigon – spiega Roberto Capobianco – 6 nostre richieste attinenti al suo ruolo e preminenti sia per l’immediata sopravvivenza delle aziende e partite Iva, sia per permettere loro di sviluppare un futuro di crescita”.

 

“Durigon ci ha rassicurato sia sul fatto che porterà quanto prima le nostre richieste all’attenzione del ministro dell’Economia e, in generale, del governo. Per settimana prossima, inoltre, il sottosegretario ci ha garantito l’arrivo del DL Sostegni e, entro aprile, il pagamento degli indennizzi senza distinzioni di Codici Ateco e con richiesta mediante autocertificazione”.
 

Le richieste di Conflavoro al sottosegretario all’Economia

Blocco cartelle esattoriali 
Riforma del sistema fiscale
Ristori su calo annuale fatturato 2019/2020 e aumento della percentuale di indennizzo fino al 30%
Moratoria bancaria per rating aziendale negativo con causale Covid
Capitolo SuperBonus 110%: cancellazione della parte inerente all’attestazione di conformità urbanistica, ossia la possibilità di usufruire dell’agevolazione senza l’obbligo di dichiarare l’immobile conforme

Scopri le altre nostre convenzioni