Dal 1° febbraio green pass in negozi, poste e banche: firmato il DPCM che esclude alcune attività

negozi

Firmato il decreto che specifica quali esercizi alimentari sono esclusi dalla presentazione della certificazione verde base

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha firmato oggi (21 gennaio) il DPCM che specifica per quali attività sia necessario possedere, o meno, il green pass base dal 1° febbraio, il cui obbligo è stato esteso con il DL 1/2022. Il controllo, effettuabile anche a campione, sarà a carico dei titolari degli esercizi o dai responsabili individuati dagli stessi.

La certificazione verde sarà necessaria per i pubblici uffici, i servizi postali, bancari e  finanziari e le attività commerciali. Sono escluse dall’obbligo di qualsiasi green pass le attività che soddisfano esigenze alimentari e di prima necessità, esigenze di salute, di sicurezza e di giustizia (con alcuni distinguo).

Per le esigenze alimentari, sono 9 le tipologie di commercio in cui non è necessario il green pass base, e sono:

1- Commercio al dettaglio in esercizi specializzati e non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati e altri esercizi non specializzati di alimenti vari), escluso in ogni caso il consumo sul posto;

2- Commercio al dettaglio di prodotti surgelati;


3- Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati;


4- Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati;


5- Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari;


6- Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie, parafarmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica);


7- Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati;


8- Commercio al dettaglio di materiale per ottica;


9- Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento.


Per quanto concerne le esigenze di giustizia, l’accesso agli uffici giudiziari senza green pass sarà possibile solo per urgenze (es: denunce, attività di indagine…) mentre sarà necessario nelle altre situazioni (es: rinnovo passaporto).

Ricordiamo che già dal 20 gennaio è necessario almeno il green pass base per usufruire dei servizi alla persona (leggi qui). Le disposizioni resteranno in vigore almeno fino al 31 marzo 2022.

Lascia un commento