Conflavoro PMI / Imprese / Rinnovo CCNL Metalmeccanico Artigianato, le novità
Imprese

Rinnovo CCNL Metalmeccanico Artigianato, le novità

Scopri tutte le novità sul rinnovo del contratto collettivo Metalmeccanico Artigianato: leggi la sintesi e scarica l’accordo integrale

A partire dal 1° gennaio 2024 è in vigore il rinnovo del contratto collettivo nazionale del lavoro Metalmeccanico Artigianato siglato da Conflavoro con Fesica-Confsal e Confsal (qui trovi le sintesi e i testi integrali di tutti i contartti collettivi di Conflavoro).

Oltre a un’opera di revisione generale e riallineamento del testo alla struttura tipica dei CCNL Conflavoro, l’intervento ha previsto dei miglioramenti retributivi attraverso la revisione delle maggiorazioni per le varie tipologie di lavoro straordinario, nonché attraverso una rielaborazione delle tabelle retributive.

Le principali novità del CCNL Metalmeccanico Artigianato

Per i vari settori rientranti nel campo di applicazione del CCNL in questione, infatti, sono state previste due tranche di acconti su nuovi aumenti contrattuali con decorrenza 1° gennaio 2024 e 1° aprile 2024.

Gli acconti, erogati a titolo di anticipazione riassorbibile in occasione di futuri aumenti contrattuali, comportano delle variazioni retributive positive per tutti i livelli contrattuali, riparametrati con criteri di proporzionalità per il personale part-time e applicati agli apprendisti secondo le percentuali di calcolo della retribuzione vigente al momento dell’erogazione.

Le modifiche sull’apprendistato

Le modifiche riguardano anche il contratto di apprendistato, con riferimento ai livelli e alle qualifiche per i quali è possibile l’attivazione, durata del periodo formativo e il relativo trattamento economico, facendo salvi durate e trattamenti economici di eventuali percorsi formativi già in corso con la normativa contrattuale precedente il rinnovo.

Il CCNL Metalmeccanico Artigianato si propone inoltre di valorizzare efficacia ed efficienza aziendali con gli istituti di flessibilità e multiperiodicità dell’orario di lavoro che, insieme allo strumento della banca delle ore, permettono di adattare esigenze di orario lavorativo differenti rispetto a quelle previste contrattualmente.

Infine rispetto alle tipologie contrattuali il CCNL, in linea con quanto previsto dell’art. 24 D.L. n. 48/2023, definisce le causali utilizzabili per l’instaurazione di contratti a tempo determinato con durata superiore ai 12 mesi, tenuto conto delle caratteristiche del settore disciplinato dal presente contratto collettivo.

Scopri le altre nostre convenzioni