Conflavoro PMI / Archivio Conflavoro / Notizie / In evidenza / Manovra, Conflavoro PMI: “Taglio cuneo fiscale per superare salario minimo”
Breaking News

Manovra, Conflavoro PMI: “Taglio cuneo fiscale per superare salario minimo”

Breaking News

La posizione e la raccomandazione del presidente Conflavoro dopo il Documento programmatico di bilancio

Da anni continuiamo chiediamo una legge di bilancio che alleggerisca finalmente e in modo strutturale la gravosità del cuneo fiscale dei lavoratori, un’esigenza primaria del Paese. Ci auguriamo che quest’anno sia la volta buona verso un nuovo approccio al problema, perché di questo si tratta, di un grande problema per il Paese. I fondi, oggettivamente, non mancherebbero”. Così Roberto Capobianco, presidente di Conflavoro PMI alla luce del Documento programmatico di bilancio, ‘apripista’ della nuova manovra.

“Ci sembra ormai appurato che solo una ragionata azione del genere possa generare un circolo virtuoso a partire dai consumi. Un taglio a questi costi, tra i più elevati in Europa, non sarebbe una scommessa da parte della politica, non sarebbe un atto di fede a occhi chiusi, anzi ci pare evidente che ne beneficerebbero economicamente tutti i cittadini, un vantaggio sia per i lavoratori sia per chi fa impresa. Abbassare gli oneri contributivi sarebbe infatti una situazione di win-win per tutti gli attori, e le casse dello Stato ne uscirebbero doppiamente rinvigorite visto che si metterebbe in moto una costanza non solo nei consumi quotidiani, ma anche negli investimenti da parte delle aziende”.

“Bene l’impegno, invece, sulla riduzione del fisco come nel caso dell’Irpef, anche se rischia di essere azione vaga e poco incisiva. Come vediamo in queste settimane, basta un evento esterno che porti a un aumento generalizzato delle bollette ed ecco che ogni sforzo non incisivo e stabilizzante diventa vano per le tasche dei cittadini. Anche la discussione sul salario minimo – conclude Roberto Capobianco – diverrebbe un argomento, se vogliamo, superato proprio perché le retribuzioni conoscerebbero un aumento come effetto del taglio del cuneo fiscale, onere a carico sia del lavoratore sia del datore di lavoro”

Scopri le altre nostre convenzioni