Conflavoro PMI / Imprese / Niente più certificazione unica per forfettari e minini dal 2024
Imprese

Niente più certificazione unica per forfettari e minini dal 2024

Il provvedimento alla luce dell’obbligo di fattura elettronica a tutte le partite IVA previsto dal 1°gennaio 2024 dal decreto PNRR 2

Niente più obbligo di certificazione unica (CU) per i forfettari e minimi dal 2024. La novità nel dl contenente sempificazioni in materia di adempimenti tributari approvato in cdm il 23 ottobre. 

In particolare è stato modificato quanto previsto attualmente dall’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322 e si prevede quindi che a decorrere dal periodo d’imposta 2024 verrà meno l’obbligo di trasmissione e consegna della Certificazione Unica relativamente ai titolari di partita IVA in regime forfettario e nel regime dei minimi.

Il provvedimento alla luce dell’obbligo di fattura elettronica a tutte le partite IVA previsto dal 1°gennaio 2024 dal decreto PNRR 2, anche quelle al di sotto della soglia di 25.000 euro di ricavi o compensi.

Come funzionerà la trasmissione dei dati senza la certificazione unica

Come abbiamo detto, all’obbligo di fatturazione elettronica si affiancherà il venir meno della necessità di trasmissione della Certificazione Unica di forfettari e minimi.

I dati relativi ai compensi erogati saranno automaticamente disponibili negli archivi dell’Agenzia delle Entrate per effetto della trasmissione tramite il Sistema di Interscambio delle fatture relative alle operazioni eseguite dal 1° gennaio 2024.

Scopri le altre nostre convenzioni