Mascherine a lavoro, Conflavoro PMI: “Protocollo superato, Governo dia regole chiare e celeri”

mascherine

Confronto tra Governo e parti sociali, atteso per settimana prossima nuovo documento

Oggi (21 giugno) Conflavoro PMI ha partecipato al nuovo confronto tra Governo (ministeri del Lavoro, della Salute e dello Sviluppo economico), Inail e parti sociali volto a stabilire il futuro del protocollo di sicurezza anti-Covid sui luoghi di lavoro, in particolar modo per quanto concerne il prolungamento, o meno, dell’utilizzo obbligatorio delle mascherine ove sono ancora previste. Per settimana prossima il Governo stilerà un nuovo documento, fino ad allora resteranno in vigore le regole attuali.

 

La posizione di Conflavoro PMI

Per l’associazione presieduta da Roberto Capobianco ha partecipato Raffaele Galasso, responsabile delle Relazioni istituzionali. “Il protocollo – ha affermato Conflavoro PMI durante il Tavolo – ha avuto un ruolo centrale nei molti mesi di crisi acuta al fine di prevenire la diffusione del virus nei luoghi di lavoro. Oggi però, alla luce dell’attuale situazione pandemica, il protocollo si può dire superato”.

“L’obbligo generalizzato della mascherina, le norme di distanziamento e la sorveglianza sanitaria – ha evidenziato l’associazione – vanno nuovamente regolate. È necessario un nuovo documento snello e semplice, con regole definite chiare e univoche per tutti. Tenendo, ovviamente, conto delle eventuali differenze tra comparti produttivi e relativa affluenza di clientela e consumatori. Non chiediamo, dunque, raccomandazioni generiche che lasciano spazio a discrezionalità: le imprese e datori di lavoro devono sapere bene come comportarsi e cosa fare, per evitare di incorrere in sanzioni. Chiediamo celerità e certezze”.

Lascia un commento