Sostegni Bis, quando arriva il fondo perduto per imprese e partite Iva?

Il ministro Franco in commissione Bilancio traccia il calendario degli indennizzi previsti dal Sostegni Bis

16 giugno: questa è la data da segnare in rosso sul calendario per i nuovi indennizzi previsti dal DL Sostegni Bis per imprese e partite Iva che hanno già ricevuto l’indennizzo previsto dal primo DL Sostegni. Lo ha affermato il ministro dell’Economia e Finanze, Daniele Franco, in commissione Bilancio alla Camera.

Quello che prenderà il via il 16 giugno sarà un accreditamento automatico, quindi non servirà presentare domanda, e la somma sarà analoga a quella ricevuta con il primo decreto. La precisazione è dovuta poiché il DL Sostegni Bis prevede tre differenti modalità di indennizzo a fondo perduto, e solo quello di giugno sarà automatico.

 

Il secondo indennizzo

A luglio, invece, arriveranno i bonifici integrativi (seconda modalità su tre) per chi presenterà domanda dal 23 giugno (modalità ancora da chiarire). Il nuovo contributo sarà calcolato sul calo riscontrato in piena pandemia, ossia nel periodo dal 30 aprile 2020 al 31 marzo 2021. Secondo il Fisco saranno circa 280 mila le partite Iva a ottenere un plus rispetto al primo DL Sostegni, mentre oltre 300 mila potrebbero ricevere l’indennizzo per la prima volta, non rientrando nei requisiti richiesti dal precedente DL Sostegni.

Dunque, ricapitolando, il secondo tipo di indennizzo potrà essere richiesto dai soggetti che hanno già preso il contributo a fondo perduto del primo DL Sostegni, dai soggetti che non rientravano nei requisiti del primo DL Sostegni e dai soggetti che non avevano presentato domanda. Per maggiori info sui requisiti da possedere per fare domanda, clicca qui.

 

Il terzo indennizzo

Per il terzo contributo a fondo perduto, invece, si dovrà aspettare l’estate per fare domanda e, presumibilmente, il pagamento arriverà a fine stagione. Peraltro, sono necessari dei decreti attuativi che illustrino l’operatività e quantifichino i requisiti (calo utile, perdita) che rendono possibile la richiesta. 

Lascia un commento